Cultura e storia della Corea del Sud

South Korea

La storia in breve

La storia della Corea risale al 2.333 a.C., quando fu fondata Gojoseon. Secondo la leggenda, fu fondata dal mitico Dangun, il cui padre discese dal cielo e la cui madre si trasformò in un orso. Oggi la Corea è una repubblica. La dinastia regnante più importante fu la dinastia Joseon (Joseon - coreano - 전주이씨, 全州李氏). Regnò dal 1392 al 1910, quando la Corea fu occupata dal Giappone.

I coreani commemorano ancora oggi questa dinastia attraverso vari festival e celebrazioni. Le prime elezioni presidenziali si sono tenute nel 1987. Uno dei presidenti (Kim-Dae-Jung) ha persino vinto il Premio Nobel per la pace nel 2000. Nel 2013, una donna - figlia di un ex presidente - ha conquistato il seggio presidenziale.

Tuttavia, non è rimasta a lungo nel suo nuovo incarico, poiché le accuse di corruzione nei suoi confronti sono culminate nel 2016. Attualmente il Paese ha relazioni tese con il suo vicino settentrionale, la Corea del Nord. Le due nazioni sono separate da una striscia lunga oltre 200 chilometri. Si incontrano soprattutto edifici moderni, poiché molti di essi sono stati distrutti durante la guerra di Corea.

La gente

La gente è aperta, allegra, curiosa, veloce, a volte anche poco concentrata o distratta. Sono abituati agli stranieri nelle città e conoscono l'inglese di base, ma a volte sono ancora timidi nel parlare. Di solito è lo straniero a iniziare la conversazione. Le persone del villaggio sono vestite con abiti tradizionali e non conoscono alcuna parola inglese, ma sono ancora più divertenti da comunicare! Spesso chiedono: "Quanti anni hai?". È una domanda molto comune, non spaventatevi. I coreani sono sempre rispettosi degli anziani.

Vacanze e feste

Durante le festività ufficiali, solo gli uffici e le banche sono chiusi. Il Natale viene festeggiato dai coreani il 25 dicembre. Se vi piace San Valentino, vale la pena notare che il 14 febbraio le donne fanno regali agli uomini e il 14 marzo è il contrario. E mentre noi "festeggiamo" l'arrivo di San Martino l'11/11, i coreani osservano il Pepero Day, quando le coppie di innamorati si regalano barrette di Pepero. Interessante è il 1° gennaio, quando regalano ai bambini della loro famiglia dei soldi.

La maggior parte dei festival, delle parate e delle celebrazioni si svolgono nel mese di aprile. In questo periodo sbocciano i fiori di ciliegio, che contribuiscono ad accrescere l'atmosfera locale.

Festival di Jinhae Gunhangje (진해군항제)

Questo festival è uno dei più grandi e famosi festival di primavera del Paese, con oltre 2 milioni di turisti in visita ogni anno. Inizia con la commemorazione del regno della dinastia Joseon, nota anche come dinastia I o R. Durante il festival si può assistere alle famose sfilate di coreani in costumi tradizionali e assaggiare il cibo locale.

Festival delle stelle (여좌천-벚꽃명소)

Se amate passeggiare per Praga di notte e godervi la vista dei monumenti illuminati e non perdete mai un festival della luce a Praga, lo Starlight Festival è quello che fa per voi. Fa parte del Festival di Jinhae Gunhangje. Intorno al fiume Yeojwacheon, potrete ammirare uno spettacolo di laser, un ponte illuminato e gli alberi di ciliegio circostanti. È previsto anche uno spettacolare spettacolo pirotecnico.

Una parata reale e una banda musicale militare

La parata reale si svolge ogni anno intorno alla rotatoria di Jungwon. È guidata dall'ammiraglio Yi Sun-sin e dal suo esercito e mette in evidenza le vittorie di guerra durante la dinastia Joseon. Nei pressi del Ginnasio di Jinhae e nelle strade adiacenti, ascoltate i suoni della banda militare e ammirate l'esibizione della guardia d'onore militare.

La cultura

I coreani vengono educati al rispetto e all'umiltà nei confronti degli anziani e dell'autorità in generale. Nella loro lingua, riconoscono persino sei livelli di ululato e di annuire. La società pone l'accento sul collettivismo. Hanno valori tradizionali e tengono molto alle relazioni, non solo a quelle familiari. Buddismo, confucianesimo e cristianesimo (protestantesimo) sono diffusi nella società.

Peculiarità e differenze

  • Russare in pubblico è un reato,
  • Non si fanno regali di compleanno,
  • Durante i pasti si inginocchiano per terra e non mettono i piedi sotto il tavolo.

La bandiera si chiama ufficialmente Tchägukki - 태극기 / 太極. Al centro troviamo il simbolo rosso e blu dello yin e dello yang e in ognuno dei quattro angoli c'è un trigramma. Il simbolo del täguk riflette la tradizione secolare dell'armonia tra i due opposti yin e yang, che deriva dal taoismo ma è presente in tutte le scuole di pensiero della Corea: confucianesimo, buddismo, sciamanesimo e forse anche cristianesimo. Lo sfondo bianco della bandiera simboleggia la luce e la purezza ed esprime il desiderio di pace della nazione coreana. I quattro trigrammi intorno al centro simboleggiano il cielo, la terra, il fuoco e l'acqua. L'insieme di questi elementi esprime l'armonia e l'unità cosmica. La bandiera rappresenta l'ideale di prosperità nazionale e di verità universale che tutti i coreani hanno a cuore.

Le arti tradizionali comprendono il gugak, che si traduce in musica nazionale, e altre arti come danze artistiche, canti e spettacoli. Inoltre, i coreani hanno ereditato dai loro antenati un'ampia varietà di danze nazionali: come il salpurichum (purificazione spirituale), il gutchum (danze rituali sciamaniche), il taepyeongmu (danze di pace), l'hallyangchum (letteralmente "danze dei pigri"), il buchaechum (danze per divertimento), il geommu (danze con le spade) e il seungmu (danze dei monaci). Inoltre, il talchum (danza con le maschere) e il pungmul nori (suonare con gli strumenti musicali) sono ben noti per la loro natura satirica. La pittura e la calligrafia sono note fin dall'antichità e sono state influenzate dalla Cina. Anche la ceramica e l'artigianato sono degni di nota.

L'abbigliamento tradizionale sudcoreano è chiamato Hanbok. Si tratta di un abito senza tasche, caratterizzato da colori vivaci. Viene ancora indossato in occasione di feste o celebrazioni tradizionali.

La lingua

La lingua ufficiale è il coreano. L'inglese può essere parlato facilmente nelle città e nelle zone turistiche, soprattutto dalle giovani generazioni.

Il turismo

Nonostante abbia molto da offrire, la Corea del Sud rimane ancora un po' in ombra rispetto al suo più famoso vicino orientale, il Giappone. La maggior parte dei turisti si trova a Seul, la capitale, dove si concentrano tutti i servizi. Ovunque si vada, si incontrano coreani curiosi con i loro migliori smartphone e macchine fotografiche, soprattutto nei fine settimana e nei giorni liberi, quando si parte per le escursioni.

La geografia

Il Paese si trova nella parte meridionale della penisola coreana. Ci sono molte altre piccole isole nelle vicinanze, la più grande delle quali è l'isola di Jeju. È interessante anche perché ospita il punto più alto della Corea, il vulcano spento Halla-san, ed è l'unico luogo del Paese che si trova già nella zona subtropicale. A ovest, la Corea è bagnata dalle acque del Mar Giallo, a est da quelle del Mar del Giappone. I coreani chiamano il Mar Giallo il Mar Occidentale e il Mar del Giappone il Mar Orientale a causa dell'ostilità postbellica nei confronti dei giapponesi. La Corea è un Paese molto montuoso, ma a sud troviamo pianure che occupano solo il 30% circa della superficie.

Questo articolo può contenere link di affiliazione dai quali il nostro team editoriale può guadagnare commissioni se si fa clic sul link. Vedere la nostra pagina sulla politica pubblicitaria.